Lettori fissi

DIVENTA FOLLOWER

Se vuoi seguire in tempo reale gli aggiornamenti meteo pubblicati clicca l'icona SEGUI che vedi sopra e procedi con le istruzioni che ti vengono chieste. GRAZIE IN ANTICIPO.

SATELLITE

domenica 13 ottobre 2019

PREVISIONI DELLA SETTIMANA 14 - 20 OTTOBRE

La nostra penisola continua ad essere sotto il dominio anticiclonico, anche se l'arrivo di aria più mite dal nord Africa, a contatto con il mar Mediterraneo, favorisce la formazione di corpi nuvolosi alti e stratificati in spostamento verso la penisola.
La prossima settimana lo schema generale sarà sempre lo stesso, ma con una interferenza atlantica tra martedì e mercoledì ed un possibile guasto del tempo più consistente nel prossimo weekend.
Vi posto la solita mappa barica di evoluzione di tutta la settimana con due ipotesi differenti da prendere in considerazione per il fine settimana.
Questa che scorre sotto è l'evoluzione vista dal modello americano. Una perturbazione nord atlantica in azione adesso tra Gran Bretagna e nord della Francia tende a spingersi verso est, ma domani riuscirà ad entrare timidamente verso il Mediterraneo occidentale favorendo delle precipitazioni che colpiranno tutto il nord e le centrali tirreniche. 
Più riparate quelle adriatiche e il sud.
Da mercoledì situazione in miglioramento con l'anticiclone di nuovo in rinforzo sulla penisola.
Per sabato invece un impulso freddo nord atlantico potrebbe spingersi prima verso la penisola iberica e poi spostarsi verso il nord dell'Italia con precipitazioni piuttosto intense nella giornata di domenica.   
L'altra ipotesi che vi propongo invece è quella del modello europeo che vede, in corrispondenza del weekend, l'affondo più deciso della saccatura nord atlantica, che andrebbe a coinvolgere nel maltempo buona parte della penisola con precipitazioni a partire da sabato.
Come sempre con l'allontanarsi dei giorni la previsione diventa sempre meno attendibile pertanto l'invito è sempre lo stesso: seguirmi nei prossimi articoli.
Andiamo ora a vedere giorno per giorno cosa ci attende in Abruzzo per la settimana di metà ottobre.
LUNEDI' 14 OTTOBRE
Nella giornata di domani ancora cielo piuttosto velato ma senza rischio di precipitazioni. Temperature sempre molto miti e rischio di foschia/nebbia durante la notte e al primo mattino. In particolare sulle zone costiere. 
MARTEDI' 15 OTTOBRE
Nella giornata del 15 ottobre l'arrivo della perturbazione sul nord/ovest della penisola favorirà un incremento della nuvolosità dal pomeriggio/sera con rischio di qualche piovasco, ma solo relegato al versante aquilano. Nuvolosità irregolare sulle zone adriatiche. Temperature stazionarie. 
MERCOLEDI' 16 OTTOBRE
Ultime residue nuvole in seno al debole fronte perturbato in allontanamento verso oriente, ma anche in Abruzzo rimonta anticiclonica sempre più convinta a partire dalla sera.  
GIOVEDI' E VENERDI' 17-18 OTTOBRE
Torna l'anticiclone e dunque stabilità atmosferica di nuovo protagonista insieme al sole. Rischio di qualche banco di nebbia durante la notte nei fondo valle. Dopo il passaggio nord atlantico le temperature subiranno una debolissima, quasi impercettibile diminuzione. 
SABATO E DOMENICA 19 E 20 OTTOBRE
  Per sabato e domenica il tempo sarà legato agli sviluppi che ho tracciato prima. 
Nel caso in cui sia valida l'ipotesi tracciata dal modello americano l'Abruzzo rimarrà fuori dagli effetti perturbati, ma nel caso in cui dovesse essere valida l'ipotesi del modello europeo il sabato si potrebbero verificare, sul versante aquilano, precipitazioni che domenica coinvolgerebbero anche il versante adriatico.
Insomma ottobrata che, a parte qualche debole interferenza martedì/mercoledì, continuerà per tutta la settimana, in attesa di capire meglio se il prossimo weekend potrebbe rivelarsi piovoso o meno.  

venerdì 11 ottobre 2019

WEEKEND DAI DUE VOLTI: SOLEGGIATO DOMANI E NUVOLOSO DOMENICA

L'anticiclone sta tornando protagonista assoluto dell'intero Mediterraneo. Ci sono poche cose da raccontare ed allora faccio parlare le immagini.
Vi propongo questo mini video che evidenzia bene come la figura anticiclonica, rappresentata nel suo punto di maggiore pressione dalla lettera H, domina incontrastata tutta l'Europa centro/meridionale, mentre le figure di bassa pressione, con il loro punto più basso indicato con la lettera L, viaggiano alle alte latitudini (Islanda, Gran Bretagna, Scandinavia e Russia)

Si puo notare anche come la bassa pressione, in azione sulla Gran Bretagna, tenda a spingersi anche verso le coste occidentali della penisola iberica, favorendo una debole risalita di aria più calda e umida dalle coste del Marocco verso il Mediterraneo e quindi verso l'Italia.
Questo aspetto non è secondario perchè il contrasto tra l'aria calda africana e le acque del mare più fredde favoriranno la formazione di corpi nuvolosi sempre più consistenti a partire da domani.
Vi propongo un secondo video in cui si nota bene come nuvolosità alta e stratificata si formerà sul Mediterraneo occidentale domani mattina, per poi spostarsi verso le regioni del nord e del centro dal pomeriggio/sera. 
Tradotto dunque nel pratico ciò significa che avremo un weekend, per tutte le regioni centro/settentrionali e dunque anche l'Abruzzo, dai due volti, soleggiato e mite quello di domani, e velato o coperto dalla serata/notte di domani e per tutta la domenica.
Dal punto di vista termico la situazione continuerà a rimanere stabile con le temperature che saranno un pò ovunque sopra i 20 gradi durante il giorno e di poco sopra i 10 gradi per quanto riguarda la notte, fatta eccezione sul settore aquilano dove si potrà scendere anche sotto.
In questo ultimo video vi rappresento l'evoluzione termica dal mattino di domani fino a lunedì mattina in cui appaiono le temperature di numerose località abbruzzesi.

giovedì 10 ottobre 2019

L'OTTOBRATA PROSEGUE INDISTURBATA, PROBABILMENTE, ALMENO FINO A TUTTA LA SECONDA DECADE DI OTTOBRE

La penisola italiana è attraversata da una blanda coda del fronte perturbato in azione sui Balcani, ma già da domani l'anticiclone tornerà a dominare la scena in Mediterraneo e quindi nella nostra penisola.

La differenza rispetto alle giornate soleggiate dei giorni scorsi è rappresentato dal probabile inserimento di aria calda di matrice nord Africana, che favorirà un ulteriore leggero aumento delle temperature massime, ma, poichè trattasi di aria più umida, amplierà anche le zone dove la nebbia, la notte e al primo mattino, faranno la loro presenza. 
Insomma l'ottobrata prosegue ancora e, ad oggi, non se ne vede una fine, ma, come spesso accade quando la stabilità atmosferica persiste e la notte comunque fa freddo, il fattore foschia/nebbia potrà divenire, soprattutto nella prossima settimana, un fenomeno atmosferico di cui tener conto.

Archivio blog